logoFIGCtitolo asfioravantepolito
head fortunato

Museo del calcio

Il Museo del Calcio intitolato ad "Andrea Fortunato" è nato da un'idea dell'Associazione Sportiva Fioravante Polito e rappresenta un raro esempio di centro di documentazione storica sul gioco del calcio in Italia. Primo ed unico centro di esposizione di materiale calcistico in Campania, il Museo è frutto di donazioni ottenute nel tempo da parte di società calcistiche, calciatori, agenti fifa, tifosi e fotografi sportivi.

Il Museo dispone attualmente quasi 400 maglie originali di calcio in costante aumento, autografate o indossate in partite ufficiali: dalla Serie A alla Serie B, dalla Lega Pro ai campionati stranieri. Dispone, inoltre, di palloni, medaglie, scarpe da calcio e di un centro informativo digitale con uno straordinario archivio di fotografie e filmati.

L'augurio è che questo progetto tanto faticosamente realizzato da Davide e Fiorello Polito, possa costituire riferimento culturale ed ausilio non solo alla vasta massa di sportivi e di appassionati, ma anche agli studenti delle scuole e delle Università, ai professionisti ed alla gente comune che voglia avvicinarsi al gioco più bello del mondo. Attualmente, in attesa di altra collocazione, tale patrimonio calcistico è custodito presso la sede dell'associazione a S.Maria di Castellabate (Salerno), anche se la stessa è decisamente insufficiente per poter contenere il Museo. Infatti, oggi, molto rari sono i musei dotati degli spazi necessari per ospitare tutti gli oggetti raccolti dall'Associazione Fioravante Polito.

Il presidente Davide Polito aveva individuato nella città di Salerno, il luogo più consono per la sede del Museo e della Biblioteca del Calcio (è stata già emanata una delibera consiliare) che permetterebbe ad una più ampia platea di visitare gratuitamente la struttura. Per il momento, in attesa della sede permanente come sopra illustrata, per poter ammirare parte dei cimeli del museo, basta cliccare su “Visita il museo”, registrarsi ed entrare nel fantastico mondo del calcio.

Visita il museo

Seguici su:
icon facebookicon twitter